CIVITANOVA ALL’OPERA
II EDIZIONE

Giunta alla seconda edizione, la nostra stagione lirica propone due grandi opere, Madama Butterfly e La Bohème, capolavori assoluti di Puccini, tra le più amate e rappresentate al mondo. Ciò che le unisce, oltre alla musica meravigliosa del compositore toscano, è l’amore nelle sue diverse forme e ciò che l’essere umano riesce ad esaltare o a distruggere con il proprio sentire. Così nelle due storie si descrivono l’amore eterno di Butterfly e quello superficiale di Pinkerton, l’amore vero e infinito di Mimì e quello condizionato di Rodolfo, oltre all’amore intriso di gelosia di Musetta e Marcello.
In occasione del centenario della nascita del grande Sesto Bruscantini, oltre a dedicargli l’intera stagione, abbiamo voluto mettere in scena La Bohème, l’opera con la quale debuttò sul palco del massimo teatro civitanovese nel ’46 quando interpretò il ruolo di Colline. Bruscantini aveva una grande dedizione per l’insegnamento e ha fortemente contribuito al perfezionamento di numerosi cantanti lirici che, grazie alla sua scuola, oggi sono tra i più richiesti nel panorama internazionale. Per questo abbiamo inserito in cartellone la Settimana del belcanto che prevede una masterclass tenuta dal celebre soprano Inès Salazar, cantante straordinaria quanto docente eccellente; nella città alta sono previsti due concerti proposti da giovani cantanti i quali potranno trovare in questa iniziativa una bella opportunità per la loro crescita professionale.

Le iniziative di Civitanova all’Opera comprendono inoltre il Concerto di Capodanno nello storico Teatro Annibal Caro e il progetto I giovani fanno l’opera che vedrà protagonisti gli studenti di due istituti civitanovesi. Inoltre, il 4 maggio, in occasione della ricorrenza della scomparsa di Bruscantini, Civitanova gli donerà i fiori più belli: quelli dei giardini di piazza XX Settembre che si chiameranno Giardini Sesto Bruscantini.
Se oggi siamo a presentare una stagione lirica di questo valore nella nostra città, lo dobbiamo alla lungimiranza dei tanti che ci sostengono: in primis il Sindaco Fabrizio Ciarapica e l’Assessore alla Crescita Culturale Maika Gabellieri con i quali Civitanova all’Opera è nata. Ringrazio l’Azienda Teatri di Civitanova e i mecenati che non ci hanno mai fatto mancare il loro affetto. Infine, il nostro meraviglioso pubblico che ci ha sostenuti e sono certo continuerà a farlo. A tutti voi da parte mia e da parte degli oltre cento professionisti tra cantanti, professori d’orchestra, artisti del coro, registi, scenografi, tecnici, macchinisti, vi giunga il nostro abbraccio più grande.

E allora … mettiamoci all’opera!

Alfredo Sorichetti
Direttore artistico di Civitanova all’Opera

STAGIONE LIRICA 2019

Dedicata a
SESTO BRUSCANTINI
nel 100°anniversario della nascita

Direttore Artistico Alfredo Sorichetti

Scarica il programma completo

30 DICEMBRE 2018 ore 21,30 – TEATRO A.CARO

CONCERTO DI CAPODANNO

Celebri arie d’opera e valzer di Strauss

VENERDÌ 15 MARZO ore 21,15 – TEATRO ROSSINI

MADAMA BUTTERFLY

Opera in tre atti, musica di Giacomo Puccini

SABATO 18 MAGGIO ore 21,15 – TEATRO ROSSINI

LA BOHÈME

PROGETTO PER LE SCUOLE

I GIOVANI FANNO L’OPERA

Anche quest’anno siamo lieti di coinvolgere
nel nostro progetto i giovani di due istituti civitanovesi e lo facciamo non solo andando nelle loro scuole e promuovere incontri formativi sull’opera, ma invitandoli anche a teatro a partecipare alle prove e agli spettacoli. Potranno così avere la possibilità
di vivere, al fianco dello staff di Civitanova all’Opera,
le emozioni della lirica durante le prove e gli spettacoli. Alcuni giovani infatti assisteranno alla scelta dei costumi fatti dalla nostra costumista e verranno
a conoscenza quindi dei criteri artistici di scelta.
Un altro gruppo realizzerà una serie di video e foto nel backstage. Altri assisteranno a degli incontri con i comunicatori di Civitanova all’Opera e verranno a conoscenza dei criteri per un buon coinvolgimento dei media, dei giornali, delle tv e dei social.
Il lavoro svolto l’anno scorso da alcuni
di loro, sarà esposto in una mostra che si inaugurerà al Lido Cluana il 4 maggio e che vedrà esposte foto, frutto delle emozioni vissute nella loro esperienza a teatro.

Per il secondo anno consecutivo, torna a Civitanova Marche la lirica. Due appuntamenti in cartellone nell’ambito di ‘Civitanova all’Opera’, Madame Butterfly e La Bohème entrambe di Puccini, nel segno della tradizione e delle celebrazioni per il centenario della nascita dell’illustre basso-baritono civitanovese, Sesto Bruscantini. La scelta delle due opere liriche non è affatto casuale, infatti, il baritono debuttò proprio con queste due opere al Teatro Rossini nel 1946. Da quell’anno il suo nome divenne celebre in tutto il mondo e fu interprete in teatri di fama mondiale. Per questo siamo orgogliosi, insieme al direttore artistico, il Maestro, Alfredo Sorichetti, di offrire al pubblico due rappresentazioni di indiscusso valore.

 

Il Sindaco di Civitanova Marche
Fabrizio Ciarapica

Dopo un grande successo di pubblico, torna per il secondo anno ‘Civitanova all’Opera’ con Madame Batterfly e La Bohème, grazie al Maestro, Alfredo Sorichetti. Con queste due rappresentazioni non potevamo che avere il massimo dell’opera lirica nella nostra città che valsero, proprio al Teatro Rossini, al nostro concittadino basso-baritono, Sesto Bruscantini, una fama indiscussa e transnazionale. Nel centenario della sua nascita, le due opere assumo un valore ancora più grande: da qui partì una tecnica, quella della “mise-en-scène”, che rivoluzionò l’intero mondo della lirica traghettandola nel futuro. Siamo tutti qui grazie a lui.

 

Assessore alla Crescita Culturale
Maika Gabellieri

Abbiamo ereditato un prezioso patrimonio musicale. La nostra terra, come tutte le Marche, è ricca di cantanti e compositori che si sono distinti nel mondo per la loro bravura. E oggi esaltiamo le loro opere, portando in scena nei nostri teatri, con minuziosa cura, i titoli che li hanno visti e resi protagonisti.
Il 2019 è l’occasione per celebrare un talento della nostra città, Sesto Bruscantini, nato cento anni fa. Un omaggio sentito a chi ha partecipato a spettacoli di portata storica in tutto il mondo; una carriera incredibile, iniziata proprio a Civitanova dove, nel 1946, ha debuttato nel ruolo di Colline ne La Bohème, opera inserita nel nostro cartellone.

 

Presidente TDIC
Aldo Santori